Associazione Culturale 

“IL VILLAGGIO DELLA MUSICA”   ROMA

Pastori, amori e primavere
Un viaggio musicale intorno all’amore e all’attesa dell’amato

Susanna Rigacci, soprano
Andrea Massimo Grassi, clarinetto
Eliana Grasso, pianoforte

Musiche di A. Scarlatti, A. Cesti, G. Sarti, G. Paisiello, V. Bellini, S. Mercadante, G. Rossini, J. Brahms, F. Schubert

Sabato 10 marzo ore 18,30
Auditorium Ss.Apostoli Via del Vaccaro, 9 ROMA

Biglietto: 10 euro; Associati: ingresso libero

Info: 
Associazione Culturale “Il Villaggio della Musica”
cell. 340.2487915 info@ilvillaggiodellamusica.it www.ilvillaggiodellamusica.it

Susanna Rigacci, soprano, nota al pubblico internazionale soprattutto per le sue interpretazioni nei brani delle colonne sonore dei film di Sergio Leone: “Il buono, il brutto, il cattivo”, “C’era una volta il West”, “Giù la testa”, scritte e dirette da Ennio Morricone, è nata in Svezia da famiglia di musicisti e si è diplomata con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio ‘L. Cherubini’ di Firenze. Si è in seguito perfezionata con Gina Cigna ed Iris Adami Corradetti. Ha cantato nei maggiori teatri ed enti lirici italiani (Teatro alla Scala di Milano, Maggio Musicale Fiorentino, La Fenice di Venezia, Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Regio di Parma, Teatro Bellini di Catania, Teatro Comunale di Bologna, Teatro Valli di Reggio Emilia) e all’estero (New York, Parigi, Lione, Praga, Londra, Mérida, Liegi, Helsinki, Lisbona, Maiorca, Berna). Insegna tecnica vocale presso l’Accademia Europea a Firenze e spesso è invitata a tenere master classes nei conservatori d’Italia e in istituzioni universitarie straniere (Svezia, Taiwan, Giappone, Kazakistan), ove insegna in cinque lingue (italiano, inglese, francese, svedese, tedesco).
Ha inciso per Erato, Philips, Bongiovanni, Ricordi e Dynamic, fra cui spiccano le incisioni di produzioni barocche con ‘I solisti veneti’, esecuzioni cameristiche e operistiche del belcanto italiano, nonché prime esecuzioni di opere contemporanee.
Nell’agosto 2008 è stata insignita del “Premio Internazionale G. Verdi” alla carriera.

Andrea Massimo Grassi, diplomato in clarinetto presso il Conservatorio ‘G. Verdi’ di Milano, si è esibito in tutta Italia e all’estero in USA, Russia,Germania, Regno Unito, Spagna, Francia, Portogallo e Serbia, suonando per istituzioni quali l’University of Chicago, il Gnessins College di Mosca, la Musikhochschule di Mannheim, la Minnesota State University, l’Université de Rouen, il Teatro alla Scala, la RAI, il CIDIM, il festival lusitano ‘Sete sòis Sete Luas’, la National Serbian Clarinet Association, docente nell’ ambito della musica e del teatro musical presso l’Accademia Teatro alla Scala.Ha tenuto seminari-concerto e master class in USA (University of Chicago, Minnesota State University, Southeast Missouri State University,Northeastern Illinois University), Regno Unito (University of Leeds), Russia (Gnessins College di Mosca), Serbia, e presso numerosi Conservatori e Università italiani (Conservatori di Milano, Monopoli, Cesena, Trento, Bologna, Bolzano, Avellino, Rovigo, Vicenza, Piacenza, Aosta e le Università degli Studi di Milano, Pavia-Cremona, Catania, Salerno, Padova, Chieti, Bologna).

Eliana Grasso, pianista torinese, si è esibita per I concerti del Quirinale in diretta su Rai Radio 3, Società dei Concerti, Unione Musicale, MITO Settembremusica, Polincontri Classica, Rivolimusica, Università della Tuscia, OSM Mulhouse, Milano Classica, Teatro Alfieri, Fondazione William Walton, Settembre Musicale Orta e in prestigiosi teatri quali la sala del Museo del Teatro alla Scala di Milano, la Sala Maffeiana del Teatro Filarmonico di Verona, l’Hermitage di San Pietroburgo, e diretta da illustri nomi quali Luca Pfaff e Piero Bellugi. Si è anche esibita in Russia, in Francia, in Svizzera e in Romania. Ha inciso nel 2014 un cd interamente dedicato a F. Chopin (per Sheva Collections) e nel 2016 incide un cd dedicato alle sonate per violoncello e pianoforte di L. van Beethoven con il violoncellista Stefano Cerrato (Sheva).
Affianca ai concerti l’attività di pianista collaboratore, ruolo che riveste stabilmente presso l’Accademia del Teatro alla Scala.